Come comprare e vendere vuoti cartucce di toner

September 12

Come comprare e vendere vuoti cartucce di toner


Molte persone non si rendono conto del valore delle cartucce di inchiostro vuote che noi tutti usiamo in stampanti per ufficio e alcune stampanti a getto d'inchiostro. In realtà, la maggior parte dei proprietari di stampanti e uffici commerciali semplicemente scartano cartucce di inchiostro vuote. Non è solo redditizio, ma anche una pratica compatibile con l'ambiente per comprare, vendere e riciclare le cartucce di toner vuote. Si può fare un bel po 'di soldi indietro sui vostri acquisti di inchiostro se si vende cartucce vuote. È inoltre possibile acquistare le cartucce vuote per vendere più tardi. cartucce di toner vuote a volte andare per tra $ 3 e $ 20, a seconda della cartuccia.

istruzione

1 Vai alle imprese ufficio che utilizzano copia, fax e altre macchine da stampa, e informarsi circa l'acquisto di loro cartucce di toner vuote. Molte volte queste imprese possono dare le cartucce per libero, o si può decidere di negoziare una tariffa.

2 Stampa fino volantini e biglietti da visita per l'acquisto di cartucce di toner vuote, e metterli in luoghi della tua comunità, dove vengono offerti servizi di stampa, come ad esempio negozi di progettazione grafica, stampa e copia negozi o vicino a negozi di forniture per ufficio. Si può quindi ottenere telefonate, domande e richieste circa l'acquisto di cartucce di toner vuote.

3 Vendi i tuoi cartucce di toner vuote di negozi di forniture per ufficio come graffette o Office Depot. A partire dal 2010, queste imprese offrono $ 3 per una cartuccia vuota. Oppure si può ottenere un credito in-store per le cartucce verso altri acquisti di inchiostro.

4 Vendita di cartucce vuote per cartuccia di toner società acquirenti online come TonerBuyer.com o HartfordToner.com. Queste aziende offrono non più di $ 3 per piccole marche di cartucce vuote e fino a $ 20 per le cartucce di fascia alta.

Consigli e avvertenze

  • Si può anche donare cartucce di toner vuote alle scuole pubbliche, biblioteche e organizzazioni non profit.

Articoli Correlati