Posso SFTP per Ubuntu ma non scrivere

September 28

Anche se SFTP è un protocollo di sicurezza, si possono avere problemi di scrittura a un computer o un server di Ubuntu con esso. Ubuntu, come altre distribuzioni Linux, utilizza un sistema di permesso di file per determinare chi ha accesso ai file e quale livello di accesso di cui dispongono. Se non è possibile scrivere a Ubuntu, è possibile rimediare a questo modificando i permessi dei file.

Perché usare permessi dei file?

Il sistema di permessi dei file è il fondamento della sicurezza sui computer e server Linux. Se una persona o un programma tenta di accedere a un file senza avere il permesso corretto, il computer dovrà negare l'accesso. I nuovi utenti potrebbero trovare frustrante che non possono accedere a determinati file sul proprio computer. Tuttavia, il sistema impedisce gli attacchi malevoli su importanti file di sistema e impedisce agli utenti di fare accidentalmente errori che potrebbero rompere il sistema operativo Ubuntu. Ad esempio, i programmi Linux dipendono da librerie per l'esecuzione. Le librerie sono una serie di script comuni per interagire con il sistema operativo. Se si tenta di aprire una libreria da un'interfaccia utente grafica di Ubuntu, non è possibile a causa del sistema di permessi dei file. Questo impedisce agli utenti di aprire una libreria nel editor di testo e apportare le modifiche necessarie.

proprietà dei file

Ogni file e cartelle in Ubuntu è di proprietà di un utente specifico. Di solito, solo il proprietario ha accesso a scrivere su un file o una cartella di default. Anche se si è l'unico utente di nome sul vostro sistema Ubuntu, non si possiede importanti file di sistema. Invece, l'utente "root" è il proprietario. Se ci si connette a Ubuntu con SFTP come utente normale, non sarà in grado di scrivere i file non si è proprietari. È necessario l'accesso come root. Per impostazione predefinita, la password per l'utente root è nascosto nella memoria come una serie di hash casuali. Si può cambiare e accedere a Ubuntu come root. Tuttavia, così facendo non è la pratica più sicura. Invece, quando il login come utente normale, utilizzare il comando "sudo" nel terminale di Ubuntu per dire al computer per eseguire un comando come utente root. Dopo aver inserito la password utente, il computer ti darà accesso root per giusto il tempo per eseguire il comando. Ad esempio, per aprire una libreria, digitare "sudo gedit nome del file."

Come il computer vede permessi di un file

Il sistema operativo Ubuntu legge impostazioni di autorizzazione di un file come una serie di variabili tripletta. Le variabili sono o "r" per la lettura, "w" per la scrittura o "x" per eseguire. Un utente con i permessi di "rwx" in grado di leggere, scrivere ed eseguire il file. Un utente con i permessi di "rw-" in grado di leggere e scrivere il file, ma non eseguirlo. Le autorizzazioni sono disponibili in gruppi di tre, come "-rwxrw-r--". Il primo "-" significa che il file è un file normale. Le cartelle o directory sono rappresentati da una "d". Il primo gruppo di tre variabili imposta le autorizzazioni del proprietario del file. Il secondo gruppo imposta le autorizzazioni del gruppo del proprietario. Il terzo gruppo imposta le autorizzazioni di tutti gli altri.

Cambiare i permessi dei file

È possibile modificare i permessi dei file imparando i numeri usati per rappresentare i diversi livelli di autorizzazione. "0" rappresenta nessun accesso. "4" rappresenta l'accesso in sola lettura. "5" rappresenta lettura e di accesso. "6" rappresenta lettura e scrittura. "7" rappresenta l'accesso completo. Aprire il terminale di Ubuntu o connettersi al computer con SSH, non SFTP. Digitare "sudo chmod 760 nomefile" per cambiare i permessi dei file in modo che il gruppo del proprietario, che si comprende, ha letto e l'accesso in scrittura. L'utente root avrà accesso completo e tutti gli altri non avrà accesso. Per cambiare un'intera directory, digitare "sudo chmod 760 -R / path / to / directory." Ogni file nella directory avrà le impostazioni di autorizzazione. È possibile modificare i numeri utilizzati se necessario per rappresentare le autorizzazioni sono necessarie. Una volta concesso il permesso agli utenti non-root per leggere la directory di Ubuntu che si desidera, è possibile utilizzare SFTP per scrivere.


Articoli Correlati